Subscribe Us

ACCUMULO DI CAPITALI ILLECITI - CARABINIERI SEQUESTRANO BENI PER 1 MILIONE DI EURO.

ACCUMULO DI CAPITALI ILLECITI - CARABINIERI SEQUESTRANO BENI PER 1 MILIONE DI EURO.

 

ROMA - I Carabinieri della Compagnia di Roma San Pietro hanno dato esecuzione al "Decreto di sequestro anticipato di beni ai fini della confisca", emesso dal Tribunale Ordinario di Roma – Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Procura della Repubblica di Roma – Ufficio del Procuratore Aggiunto Dott.ssa Lucia Lotti – presso il Tribunale di Roma, nei confronti di un 44enne romano, residente in zona San Pietro attualmente sottoposto agli arresti domiciliari, dedito, da diversi anni ed in maniera esclusiva, ad attività illecite di varia natura, svolte anche in forma associativa, prevalentemente in materia di stupefacenti e di reati contro il patrimonio (rapine e furti in appartamento con metodi sofisticati) commessi in via prioritaria nei quartieri Prati, Eur e Piazza Bologna della Capitale, per i quali ha già riportato varie sentenza definitive di condanna.

La proposta per l'applicazione della misura di prevenzione si fonda sull'analisi dei trascorsi criminali del soggetto che, dal 1998 e sino ad epoca recentissima,  è stato reiteratamente coinvolto in traffici e attività illecite, in un contesto delinquenziale particolarmente qualificato, risultando in contatto con personaggi legati alla storica criminalità romana, di cui uno già appartenente alla Banda della Magliana con il quale intrattiene un comprovato e duraturo rapporto fiduciario, che gli hanno permesso di accumulare capitali illeciti dai quali ha tratto i mezzi di sostentamento e le risorse necessarie per vivere e mantenere un tenore di vita nettamente sproporzionato rispetto alle dichiarate capacità contributive. Da segnalare, tra l'altro, il ruolo di approvvigionamento e custodia delle armi svolto dal destinatario del sequestro nell'ambito di una associazione finalizzata alla commissione di rapine e furti all'interno di abitazioni private ed esercizi commerciali, procedimento per il quale ha riportato una pena definitiva di anni 3 e mesi 6 di reclusione.

Il coinvolgimento in sistematiche e continuative attività criminali ha consentito al proposto di acquisire un notevole patrimonio, compresi immobili e quote societarie.

Il sequestro disposto dal Tribunale, infatti, riguarda i seguenti beni a lui intestati: 4 immobili ubicati in Roma (zona San Pietro) e in Fiumicino del valore commerciale di oltre euro 900.000,00; il 15% del capitale sociale di un'impresa di riparazione carrozzerie di autoveicoli ubicata in zona Valle Aurelia; il 60% del capitale sociale di un'impresa di costruzione edile ubicata in zona Primavalle; un conto corrente bancario con il saldo contabile destinato al Fondo Unico Giustizia.

Il Tribunale di Roma III Sezione Penale  ha fissato l'udienza in cui sarà valutata l'applicazione della Misura di Prevenzione Personale della Sorveglianza Speciale con Obbligo di Soggiorno nei confronti del soggetto.

210918

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il destinatario dell'odierno decreto di sequestro, A. P., 44 anni, era stato arrestato il 15 marzo 2016 dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di via In Selci, nell'ambito dell'operazione "Vecchie Glorie" che portò alla scoperta di un sodalizio, che commetteva efferate  rapine in abitazioni, furti, ricettazione, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco, con a capo Manlio Vitale, detto "er Gnappa", personaggio di spessore nella geografia criminale della Capitale, già fondatore ed esponente di spicco della "Banda della Magliana", nella quale rivestiva il ruolo di referente per i quartieri Tor Marancia e Garbatella, atteso il suo stretto legame con Maurizio Abbatino, dal quale era stato designato ad intrattenere contatti con esponenti della 'ndrangheta calabrese e della camorra napoletana.

 

Di seguito il comunicato del 15 marzo 2016:

 

 

ROMA – CARABINIERI ESEGUONO 24 MISURE CAUELARI PER VIOLENTE RAPINE IN ABITAZIONI DELLA CAPITALE.

A CAPO DEL GRUPPO CRIMINALE UN EX DELLA BANDA DELLA MAGLIANA.

 

1.       PREMESSA

Dalle prime luci dell'alba, i Carabinieri del Comando Provinciale di Roma stanno eseguendo misure cautelari, disposte dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di 24 persone, indagate a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di efferate  rapine, ma anche di furti, ricettazione, detenzione e porto in luogo pubblico e/o aperto al pubblico di armi da fuoco, uso di documenti e contrassegni identificativi di forze di polizia.

Il capo del sodalizio si identifica in Manlio Vitale, detto "Gnappa", personaggio di assoluto spessore nella geografia criminale della Capitale, pluripregiudicato, già fondatore ed esponente di spicco della "Banda della Magliana", nella quale rivestiva il ruolo di referente per i quartieri Tor Marancia e Garbatella, atteso il suo stretto legame con Maurizio Abbatino, dal quale era stato deputato ad intrattenere contatti con esponenti della 'ndrangheta calabrese e della camorra napoletana..

L'indagine ha consentito di accertare che Vitale è in grado, ancora oggi, di aggregare intorno alla sua persona soggetti di notevole spessore delinquenziale, anche appartenenti ad altri gruppi criminali, in ragione della sua autorevolezza e della "fama criminale" che lo circonda, con evidenza connessa alla sua storica appartenenza alla "Banda della Magliana".

Tra gli arrestati si segnala Danilo Vitale, figlio di Manlio, nonché il titolare di una gioielleria sita nel quartiere Prati, che forniva al Vitale padre informazioni dettagliate sui clienti benestanti da rapinare.

L'intervento è stato effettuato in esecuzione di un'ordinanza di applicazione della custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Roma su richiesta della Procura della Repubblica di Roma - a conclusione dell'indagine denominata convenzionalmente "Vecchie Glorie" - condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Roma.

Nel corso dell'operazione sono stati anche eseguiti decreti di sequestro anticipato - emessi dal Tribunale di Roma – Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Procura della Repubblica di Roma ai sensi degli artt. ex artt. 4, 16 e segg. D.lgs. 6 settembre 2011 n. 159 - di 4 appartamenti e 6 veicoli riconducibili al Vitale, nonché di un ulteriore appartamento riconducibile al sodale C. L., tutti fittiziamente intestati a prestanome.

Sin dalle prime ore del mattino, circa 200 carabinieri stanno eseguendo arresti, perquisizioni e sequestri in tutta la provincia di Roma.

2.       L'INDAGINE "VECCHIE GLORIE"

L'indagine è stata avviata a seguito di un'efferata rapina commessa, agli inizi di ottobre 2014, nella villa di un medico residente nel quartiere Eur di Roma.

In tale circostanza due rapinatori, successivamente identificati nei pregiudicati C.L. e D.S.M., erano riusciti ad entrare nell'abitazione fingendo di essere poliziotti ed esibendo anche dei tesserini identificativi della Polizia di Stato. Avevano, quindi, dopo aver minacciato le vittime con una pistola, immobilizzato il medico, la moglie, la badante ed i due figli minori e, prima di legarli e rinchiuderli in uno sgabuzzino, si erano fatti consegnare oro, preziosi e contanti per un bottino di circa 200.000 Euro.

Le successive indagini, sviluppate dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, anche con l'ausilio della sua componente tecnico-scientifica e con l'utilizzo di intercettazioni telefoniche ed ambientali, hanno consentito di accertare che i due rapinatori appartenevano ad una c.d. "batteria", composta da numerosi soggetti, tutti agenti sotto la guida criminale del Vitale.

I Carabinieri hanno, quindi, proceduto a raccogliere gravi, precisi e concordanti indizi in relazione a 9 episodi delittuosi commessi dalla banda, operando anche degli arresti in flagranza di reato durante l'attività investigativa.

Identico è risultato il metodo criminale utilizzato dal sodalizio.

Vitale, usufruendo dei contatti "qualificati" su cui poteva contare, acquisiva informazioni dettagliate sulle potenziali vittime da rapinare, tutte persone abbienti e vulnerabili, come ad esempio donne che vivevano da sole o persone anziane, oppure famiglie con figli piccoli. Individuata la vittima, forniva le notizie fondamentali per compiere i delitti, demandandone poi l'organizzazione e l'esecuzione ad un suo fedelissimo collaboratore, legato a lui sin dai tempi della "Banda della Magliana", ossia Rodolfo Fusco, classe '54, con precedenti del quartiere Tor Marancia come il Vitale.

Fusco si avvaleva di vari soggetti criminali della Città per la pianificazione e l'esecuzione materiale delle rapine e dei furti. Tutti i componenti riconoscevano, in maniera indiscussa, Manlio Vitale quale capo del loro gruppo criminale.

Le armi dell'associazione erano custodite da una coppia di incensurati che abitavano nella stessa palazzina di uno degli esecutori materiali delle rapine, D. S., con precedenti, 55enne di Tor Bella Monaca. Dette armi, in più occasioni, risultano essere state fornite dal titolare di una palestra sita nel quartiere Prati di Roma, P.A., classe '73, con precedenti per reati contro il patrimonio e traffico di droga.

Gli episodi delittuosi accertati durante le attività investigative, non consumati in virtù del tempestivo intervento dei militari del predetto Nucleo sono stati:

-     una rapina tentata, nel mese di gennaio 2015, ai danni di una sala Bingo sita nella zona Nord di Roma. Nella fattispecie Manlio Vitale, sfruttando le informazioni che il figlio aveva reperito da un dipendente della sala bingo, aveva ordinato di rapinare il responsabile della sala che, il lunedì mattina, era solito recarsi in banca a depositare l'incasso del fine settimana;

-     una rapina tentata, nel mese di febbraio 2015, presso l'abitazione di una donna separata di 45 anni, che abita da sola con i figli nel quartiere Tor Marancia. Nel caso di specie il sodalizio criminale, acquisiti tutti i dati necessari dall'ex marito della donna, aveva programmato di entrare nell'abitazione fingendo di dover consegnare una raccomandata, di immobilizzare la donna e costringerla a consegnare loro i gioielli detenuti in casa, ricorrendo anche alla minaccia armata ai danni dei figli minori;

-     una rapina tentata, sempre nel febbraio 2015, in un'abitazione sita nei pressi del Teatro Adriano occupata da un'anziana vedova, costretta sulla sedia a rotelle. Nell'occasione, Vitale era stato informato della possibilità di rinvenire in casa numerosi gioielli di valore da parte del gioielliere di fiducia della donna; gli esecutori materiali della rapina, tra cui Rodolfo Fusco, avrebbero dovuto legare l'anziana con alcune fascette in plastica e, minacciandola con la pistola, costringerla ad aprire la cassaforte.

Le attività investigative hanno consentito di attribuire al sodalizio anche tre furti in abitazione commessi ai danni di una donna di 90 anni, residente in prossimità di Piazza Bologna.

Nel corso delle indagini, a riscontro delle attività investigative in atto, i Carabinieri del Nucleo Investigativo hanno arrestato in flagranza di reato:

-     nel febbraio 2015, 2 soggetti resisi responsabili di una tentata rapina al gestore del distributore di carburanti nel quartiere Tor Marancia;

-     nel maggio 2015, 3 soggetti autori del tentato furto in un'abitazione, sita nel centro storico di Roma, sul lungotevere.

In totale 24 persone sono state raggiunte da provvedimento cautelare emesso dall'A.G., di cui 8 in carcere, 14 agli arresti domiciliari e 2 con divieto di dimora nel Comune di Roma.

3.       SEQUESTRI

Nel corso della mattina, i Carabinieri di Roma hanno anche proceduto al sequestro nei confronti di Manlio Vitale e di un suo sodale - in esecuzione di decreti di sequestro emessi su richiesta della Procura di Roma dal locale Tribunale Sezione per l'Applicazione delle Misure di Prevenzione - dei seguenti beni, fittiziamente intestati a loro prestanome, del valore complessivo di 4.000.000,00 :

-          5 appartamenti siti nel comune di Roma :

-          20 rapporti finanziari/bancari;

-          6 veicoli;

Roma, 15 marzo 2016

 

 

 

VIDEO GIA' DIFFUSI il 15 marzo 2016 IN OCCASIONE DELL'OPERAZIONE VECCHIE GLORIE: 


 

 

 

Posta un commento

0 Commenti