Subscribe Us

È autentico il quadro di Klimt ritrovato a Piacenza

"Una notizia di importanza storica per la comunità artistica e culturale e per la città" dice la sindaca Patrizia Barbieri. Il dipinto era stato rubato nel febbraio 1997

"Una notizia di importanza storica per la comunità artistica e culturale e per la città" dice la sindaca Patrizia Barbieri. Il dipinto era stato rubato nel febbraio 1997

PIACENZA - È autentico il 'Ritratto di signora' di Gustav Klimt ritrovato a Piacenza lo scorso dicembre dal personale che eseguiva interventi di manutenzione straordinaria alla Galleria Ricci Oddi su incarico del Comune. "Una notizia di importanza storica per la comunità artistica e culturale e per la città di Piacenza", comunicano il sindaco piacentino Patrizia Barbieri e l'assessore alla Cultura Jonathan Papamarenghi che ringraziano Procura, periti, inquirenti e forze dell'ordine che "non hanno mai abbandonato le indagini".

La notizia è stata data durante una conferenza stampa dalla pm Ornella Chicca. Il dipinto era stato rubato nel febbraio 1997 alla Galleria d'arte moderna Ricci Oddi di Piacenza. Durante i lavori di ripulitura di un'edera che copriva una parete esterna della stessa Galleria, si è scoperta un'intercapedine chiusa da uno sportello, all'interno della quale c'era un sacco, con dentro il quadro, che riportava timbri e ceralacca autentici.

Il furto del quadro fu scoperto la mattina del 22 febbraio 1997 e realisticamente è avvenuto nei tre giorni precedenti: non è mai stato chiarito se il quadro sia stato fatto uscire dal tetto, come ha sempre lasciato intendere il ritrovamento della cornice vicino a un lucernario, o se dall'ingresso principale.


L'attenzione degli inquirenti si concentrò inizialmente sui custodi della galleria ma la loro posizione fu archiviata dal gip per mancanza di prove. Nel 2016, ricorda l'Ansa, l'inchiesta è stata riaperta dopo il ritrovamento di tracce del Dna di uno dei ladri sulla cornice ed è spuntata, grazie a una testimonianza, addirittura una misteriosa pista esoterica.

La Repubblica 

Posta un commento

0 Commenti