Subscribe Us

VIOLENZA SULLE DONNE: COLPISCE LA CONVIVENTE CON 14 COLTELLATE E SCAPPA. ARRESTATO DAI CARABINIERI IN POCO TEMPO.

Ennesimo caso di violenza sulle donne, ennesimo intervento dei militari dell’Arma che in pochissime ore hanno arrestato l’autore, accusato di tentato omicidio nei confronti della convivente.

In particolare, questa notte, i Carabinieri della Compagnia Carabinieri di Locri hanno arrestato in flagranza di reato il diciottenne MARTELLI Giancarlo, con precedenti di polizia, accusato di aver tentato di uccidere con numerose coltellate, la compagna convivente, che svolgeva da alcuni mesi la professione di estetista in un vicino Comune della Locride.
In particolare, i Carabinieri in servizio di pronto intervento, poco dopo la mezzanotte, sono intervenuti in via Foggia di Locri ove hanno trovato, riversa sul pianerottolo antistante alla propria abitazione, una ragazza con varie ferite da taglio sanguinanti – colpita con almeno 14 fendenti che hanno interessato punti vitali come la giugulare, l’emitorace e l’addome.


La vittima veniva immediatamente soccorsa e trasportata all’ospedale di Locri, mentre i militari dell’Arma avviavano subito indagini serrate alla ricerca dell’autore del gesto.
Dopo accurate ricerche, i militari dell’Arma, hanno rintracciato il MARTELLI nascosto all’interno di una intercapedine del sottotetto dell’abitazione, con i vestiti ancora intrisi di sangue
É apparso subito chiaro ai militari sia l’intento di sottrarsi alle ricerche che quello di occultare le prove.


Dalle indagini - espletate nell’immediatezza e coordinate dalla Procura della Repubblica di Locri - emergeva che i due intrattenevano una relazione sentimentale da poco tempo e che proprio ieri mattina, avevano deciso di andare a vivere nell’appartamento all’ultimo piano del palazzo in parola.

Sul posto, è intervenuta la Sezione Investigazione Scientifica del Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria per le operazioni di sopralluogo e repertamento.
MARTELLI Giancarlo è stato dichiarato in stato d’arresto e, dopo le formalità di rito, è stato condotto presso il carcere di Locri a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.




LE REAZIONI


L’AMMINISTRAZIONE COMUNALE CONDANNA IL BRUTALE GESTO DEL GIOVANE CHE STANOTTE HA ACCOLTELLATO UNA GIOVANE DONNA.
La solidarietà alla donna da parte della Commissione pari opportunità.

L’Amministrazione comunale di Locri con il suo sindaco Giovanni Calabrese condanna fermamente il barbaro gesto perpetrato questa notte dal giovane locrese Giancarlo Martelli che ha accoltellato vigliaccamente una giovane donna, ora in prognosi riservata.
Condannando il vile gesto - afferma Calabrese- le nostre preghiere per una pronta guarigione sono rivolte alla ragazza vittima di un insano atto di efferata violenza.
Stanotte la ragazza è giunta in ospedale in condizioni disperate ed è stata  assistita con grande professionalità oltre che dal personale del 118, da quello del pronto soccorso e del reparto di rianimazione. La ragazza è stata sottoposta ad un delicatissimo intervento chirurgico effettuato dai chirurghi, Dott. Domenico Freno e la dottoressa Nadia Cautela.  Solo successivamente la paziente è stata trasferita a Reggio Calabria per essere sottoposta a Tac - che ovviamente non funzionava presso il nostro ospedale - e ricoverata in terapia intensiva. 
Un ringraziamento -  aggiunge Calabrese- al personale del nostro ospedale che ancora una volta lavorando in condizione di estremo disagio si distinguono per competenza e professionalità.  Grazie anche al Gruppo Carabinieri di Locri che ha prontamente proceduto ad individuare ed arrestare l’aggressore.
L'augurio che la giovane donna possa al più presto riprendersi e che il suo aguzzino rimanga a lungo chiuso in carcere espiando la sua colpa. Questa drammatica e agghiacciante storia di violenza deve far riflettere tutti, Istituzioni, famiglie ed agenzie educative del territorio, perché, è inammissibile, che, in una società civile, si possa perpetrare un gesto di una violenza inaudita. 
Anche la Commissione pari opportunità del Comune di Locri esprime ferma condanna per il selvaggio gesto e mostra la sua solidarietà alla giovane donna. «Non si possono tollerare queste barbarie, serve fare fronte comune e lavorare con i giovani facendo molta prevenzione – affermano le componenti della Cpo. Oggi si parla molto di femminicidi, violenza sulle donne e spesso, erroneamente, pensiamo che l’argomento riguardi sempre l’altro o sia distante dalla nostra quotidianità. Una notizia del genere lascia sgomenti e increduli tutti, per la brutalità delle 14 coltellate e preoccupa la giovane età del colpevole, così giovane ma anche così violento. Esprimiamo gratitudine all’Arma dei Carabinieri per l’immediato arresto e confidiamo in una serie di iniziative rivolte soprattutto ai giovani anche grazie all’ impegno e alla loro lotta contro la violenza sulle donne». 

Locri,  07.01.2020


Posta un commento

0 Commenti