Un applauso in aula accoglie la sentenza. Con il processo d'appello-bis si valuterà un aumento di pena: è stato accolto il ricorso della procura generale e delle parti civili, e respinto il ricorso della difesa Tweet La madre di Marco Vannini: "La Cassazione ha restituito a mio figlio il rispetto che merita" Omicidio Vannini, le tappe e i conti che non tornano Omicidio Vannini, in appello pena ridotta a 5 anni per Antonio Ciontoli Omicidio Vannini. 

I giudici: Ciontoli sparò "colposamente", consapevolmente "non attivò i soccorsi' Omicidio Vannini: condannato a 14 anni Antonio Ciontoli, pene più lievi per il resto della famiglia Omicidio Vannini, indagato l'ex comandante della stazione Carabinieri di Ladispoli 07 febbraio 2020Ci sarà un nuovo processo davanti alla Corte d'assise d'appello di Roma per l'omicidio di Marco Vannini. 

La prima sezione penale della Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza con cui i giudici di secondo grado avevano riqualificato il reato da omicidio volontario con dolo eventuale a omicidio colposo, infliggendo al principale imputato, Antonio Ciontoli 5 anni di reclusione a fronte dei 14 comminatigli in primo grado. Con il processo d'appello-bis, dunque, si valuterà un aumento di pena: e' stato accolto il ricorso della procura generale e delle parti civili, e respinto il ricorso della difesa. 

La Corte ha annullato con rinvio tutte le condanne dei giudici di appello che avevano inflitto 5 anni, per omicidio colposo a Ciontoli (che ne aveva ricevuti 14 in primo grado), e tre anni, come in primo grado, per la moglie, Maria Pizzillo, il figlio Federico e la figlia Martina. Un applauso accoglie la sentenza Un applauso ha accolto la lettura del verdetto.  

L'aula era talmente piena che tanta gente era rimasta fuori, nell'androne, e appena saputo l'esito ha iniziato ad applaudire.  L'emozione della madre: "Hanno restituito a mio figlio il rispetto che merita" È sopraffatta dall'emozione la madre di Marco Vannini, quando la Cassazione emette il verdetto che aspettava: ci sarà un nuovo processo d'appello per la morte del figlio, non è stato omicidio colposo. 

"Nessuno mi ridarà mio figlio, ma è giusto che qualcuno paghi per la sua morte ", dice Marina Conte