Subscribe Us

Coronavirus in Italia: 24.747 casi e 1.809 morti. Il bollettino del 15 marzo Dati del ministero della Salute


15 mar 2020
I dati aggiornati al 15 marzo della Protezione civile

In Italia, dall’inizio dell’epidemia di Coronavirus, 24.747 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2 (3.590 in più rispetto a ieri, la crescita percentuale è del 17%. Ieri era stata del 19,8%). Di queste, sono decedute 1.809 (+368 in giorno, +25%, ieri la crescita percentuale era stata del 19,8%) e sono guarite 2.335 (+369). 1.672 persone sono in terapia intensiva (+154). Attualmente i soggetti positivi sono 20.603 (il conto sale a 24.747 — come detto sopra — se nel computo ci sono anche i morti e i guariti).

Qui gli esperti spiegano come si devono interpretare i dati, indicando quali sono le variabili da tenere d’occhio per capire l’andamento dell’epidemia.

I pazienti ricoverati con sintomi sono 9.663; 1.672 sono in terapia intensiva, mentre 9.268 sono in isolamento domiciliare fiduciario.

Regione per Regione
Lombardia: 13.272 (+1587)
Emilia: 3.093 (+449)
Veneto: 2.172 (+235)
Piemonte 1.111 (+238)
Marche 1.133 (+234)
Liguria 559 (+96)
Campania +333 (+61)
Toscana 781 (+151)
Sicilia 188 (+32)
Lazio 436 (+79)
Friuli-Venezia Giulia 347 (+46)
Abruzzo 137 (+25)
Puglia 230 (+64)
Umbria 143 (+36)
Bolzano 204 (+31)
Calabria 68 (+8)
Sardegna 77 (+30)
Valle d’Aosta 57 (+15)
Trento 378 (+172)
Molise 17 (-)
Basilicata 11 (+1)

Articolo in aggiornamento..

Covid-19: i casi in Italia alle ore 18 del 15 marzo
Bollettino Covid 15 marzo
Nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del nuovo Coronavirus sul territorio nazionale i casi totali sono 24747, al momento sono 20603 le persone che risultano positive al virus.

Le persone guarite sono 2335.

I pazienti ricoverati con sintomi sono 9663, in terapia intensiva 1672, mentre 9268 si trovano in isolamento domiciliare.

I deceduti sono 1809, questo numero, però, potrà essere confermato solo dopo che l’Istituto Superiore di Sanità avrà stabilito la causa effettiva del decesso.

Posta un commento

0 Commenti