Subscribe Us

“Posso uscire? Posso spostarmi?” Ecco quello che c’è da sapere per rispettare le regole nella zona rossa


 “Posso uscire? Posso spostarmi per lavoro o per una visita medica, posso andare dai parenti? Sono alcune delle domande che in queste ore si pongono i cittadini. Ecco una piccola guida per orientarsi condivisa oggi da sindaci e consiglieri comunali dei comuni della Marca, in attesa di ulteriori chiarimenti dal governo.

1- Posso spostarmi per lavoro? Anche in un altro comune?
Sì, gli spostamenti per motivi lavorativi sono consentiti. Viene esclusa ogni applicabilità della misura dell'art. 1, comma 1, lettera a) del DPCM al transito e trasporto merci e a tutta la filiera produttiva da e per le zone indicate.
Si chiarisce che il medesimo articolo non vieta alle persone fisiche gli spostamenti su tutto il territorio nazionale per motivi di lavoro, di necessità o per motivi di salute, su esibizione di autocertificazione o comunicazione del datore di lavoro o del medico. Si precisa infine che l’articolo 1, comma 1, lettera e) del decreto non prevede limitazioni all’attività degli uffici pubblici, ferma restando l'agevolazione del lavoro agile.
Negli spostamenti per lavoro, in zona provinciale rossa, tra comuni diversi, è bene avere con sé l'autocertificazione ( qui trovi il modello da compilare e esibire in caso di controlli).

2 - Sono fuori dalle zone rosse/arancioni, posso rientrare?
Si, sono consentiti i rientri al proprio domicilio.

3 - Bar e Ristoranti possono rimanere aperti?
Si, dalle ore 6 alle ore 18 nel rispetto della distanza di un metro fra i clienti.

4 - Pizzerie d'asporto possono aprire dopo le 18?
Si, pubblici esercizi, pizzerie, ristoranti dopo le ore 18 possono solo effettuare "l’asporto”. Dopo le 18  potranno continuare a sfornare pizze, panini e specialitòà per chi andrà a ritirarle. Con l’obbligo di accogliere al massimo due persone alla volta.

5- Estetiste parrucchieri, dentisti possono aprire?
Anche in questo caso il decreto dovrebbe chiarire come comportarsi, perché si tratta di attività che evidentemente non possono mantenere una distanza di un metro fra la persona e l’operatore.

6 - Posso andare a mangiare dai parenti?
Non è uno spostamento necessario. La logica del decreto è quella di stare il più possibile a casa propria per evitare che il contagio si diffonda.

7 -Posso uscire a fare una passeggiata con i bambini?
Sì, in posti dove non c’è assembramento e mantenendo sempre le distanze. Non è vietato uscire, ma è da evitare sempre la creazione di assembramenti (non familiari, cioè non di persone che vivono già nella stessa abitazione) tutti insieme.

8 - Posso andare ad assistere i miei cari anziani non autosufficienti?
Questa è una condizione di necessità. Ricordate però che gli anziani sono le persone più a rischio, quindi cercate di proteggerle il più possibile.

9- Posso andare a fare la spesa in paese?
Sì, è possibile, ma i tutti i commercianti sono tenuti a stabilire un numero massimo di persone che frequenti l'esercizio garantendo la distanza di un metro gli uni dagli altri. Gli altri aspettano fuori, sempre senza creare assembramenti. In ogni caso i supermercati e centri commerciali restano chiusi il sabato e la domenica.

10 - I corrieri merci possono circolare?
Si, essi possono circolare.

11 - I mezzi pubblici sono garantiti?
I servizi di trasporto pubblico sono garantiti , con la riduzione delle sole corse scolastiche. Mobilità di Marca informa che tutte le corse all'interno delle “aree di contenimento speciale” e le corse in ingresso/uscita dalle aree stesse, sono regolari. La mobilità è consentita nei limiti fissati dal già citato DPCM: mantenendo la distanza di un metro con altri passeggeri distribuendosi all’interno dell’abitacolo, evitare l’affollamento alle fermate e non consumare cibi e bevande sui bus.

Posta un commento

0 Commenti