Subscribe Us

REGGIO CALABRIA. Il 9 marzo riflettori su Marcello Fonte

REGGIO CALABRIA. Riprende il cammino – con il quinto appuntamento, lunedì 9 marzo, ore 20, all’Hotel Torrione - “Le Stelle di Reggio”, ciclo di incontri e di conversazioni aperti alla città che, dalla scorsa estate, vede alternarsi i reggini che con il loro impegno quotidiano tengono alto il nome di Reggio ovunque in Italia e nel mondo. 

Protagonista dell’incontro di lunedì 9 marzo sarà Marcello Fonte, l’attore vincitore nel 2018 della Palma d’oro a Cannes per la sua interpretazione in “Dogman” di Matteo Garrone. Un ruolo che a Marcello Fonte ha consentito di fare breccia non soltanto nel cuore di tantissimi ma anche della critica. Così sono arrivati anche  l'European Film Awards per il miglior attore e il Nastro d'argento al migliore attore protagonista (questo premio condiviso con Edoardo Pesce) oltre a una  nomination al David di Donatello per il miglior attore protagonista. 

Ma quel che ha conquistato di Marcello è stata, soprattutto, la spontaneità e il suo legame profondo, viscerale, con la “sua” Reggio, con Archi dove ha vissuto la propria infanzia e adolescenza. E poi c’è quel grande altro amore chiamato musica che lo porterà, con l’inseparabile rullante, ad essere tra gli animatori della banda. Da ultimo il profondo legame con la sua Terra porta Marcello Fonte ad essere tra i protagonisti di “Aspromonte”, per la regia di Mimo Calopresti, da alcuni mesi nelle sale cinematografiche di tutta Italia.

A fare gli onori di casa sarà, come di consueto, Demetrio Lavino,  l’imprenditore che con la sua struttura ricettiva ha sposato questa iniziativa nell’ambito della propria azione di crescita e sviluppo saldamente ancorata anche alla valorizzazione delle migliori energie e ai talenti del territorio. A conversare con Marcello Fonte sarà il giornalista Aldo Mantineo, coordinatore del progetto nato in collaborazione con l’Hotel Torrione.

Questa volta accanto a Mantineo ci sarà anche Francesco Chindemi, giornalista, direttore di Reggio TV, oltre che amico d’infanzia di Marcello Fonte con il quale ha condiviso quella che, a ben vedere, potrebbe anche essere stata la prima esperienza davanti a una telecamera della futura Palma d’oro cresciuta in una modesta casa a ridosso del greto del torrente Scaccioti.

Posta un commento

0 Commenti