Subscribe Us

Storia del Crocifisso di San Marcello al Corso


Nella storia di Roma si sono registrati eventi che molto ricordano ciò che stiamo vivendo in questo momento con il Coronavirus. 
Epidemie o pandemie che hanno messo a dura prova la popolazione della città. 

Protagonista della pestilenza che colpì duramente Roma, fu uno dei più famosi crocifissi romani, custodito oggi nella chiesa di San Marcello al Corso. L’edificio sorge nell’omonima piazza di San Marcello (uno slargo che si apre in Via del Corso, a pochi passi da Piazza Venezia).
Proprio al suo interno è custodito il “crocifisso miracoloso”, è in legno scuro, del XV secolo, di scuola senese. Il crocifisso di San Marcello è ricordato dai romani per le numerose storie di miracoli ad esso collegate.
Nel 1519, nella notte del 23 maggio un incendio distrusse la chiesa. La mattina successiva, quando i fedeli andarono a visitare il rogo, trovarono tra la cenere ancora fumante il crocifisso rimasto miracolosamente illeso. 

Fu proprio questo episodio a dare origine alla “Compagnia del Santissimo Crocifisso”, tuttora esistente.
Un altro episodio prodigioso risale al 1522: una grave pestilenza aveva colpito la Città Eterna. I romani, ricordandosi del miracolo del 1519, decisero di portare in processione il crocifisso dalla chiesa di San Marcello alla basilica di San Pietro. Fu il cardinale spagnolo Raimondo Vich, titolare della chiesa, a promuovere tale iniziativa. Dalla chiesa si mosse una solenne processione penitenziale alla quale parteciparono il clero, i religiosi, i nobili, i cavalieri, uomini e donne del popolo. 

L’intera popolazione romana si mosse al seguito del famoso crocifisso: “Scalzi et coverti di cenere a una et alta voce, interrotta solo da singulti e sospiri, di chi li accompagnava, gridavano ‘misericordia SS. Crocifisso'”, narra una testimonianza dell’epoca. Le autorità, temendo un aumento del contagio, tentarono di bloccare il corteo ma non ci riuscirono. La processione iniziò il 4 agosto e terminò il 20. Lo stesso giorno, la peste scomparve da Roma.

A partire dal 1600, la processione dalla chiesa di San Marcello alla basilica Vaticana, dove il crocifisso veniva esposto all’adorazione dei fedeli, divenne una tradizione durante lo svolgimento dell’Anno Santo. Sul retro della croce sono incisi i nomi dei vari Pontefici e gli anni di rispettiva indizione.

Posta un commento

0 Commenti