Subscribe Us

Giornata internazionale dell'infermiere: il grazie agli eroi del coronavirus


Tanti messaggi di solidarietà ai personaggi simbolo della lotta alla pandemia, che alla malattia hanno pagato un pesante tributo. Il Papa: "Più che un lavoro, quella degli infermieri è una vocazione".

Si celebra oggi la Giornata internazionale degli infermieri, una categoria al centro della cronaca per il servizio che sta dando all'intera comunità per combattere il coronavirus. Mentre si contano, dice il sindacato Fials, "12mila infermieri contagiati dal Covid e 39 morti", a loro dedica la sua preghiera anche Papa Francesco che, nella messa a Santa Marta, parla di una professione "che è qualcosa di più di un lavoro: è una vocazione". 

Hashtag #giornatainfermiere - Nel segno dell'hashtag #giornatainternazionaledellinfermiere, sui social si moltiplicano i messaggi di solidarietà, vicinanza e ringraziamento per chi lavora nelle corsie degli ospedali, spesso tra turni massacranti in questi giorni difficili per tutti ma soprattutto per il personale sanitario. E il sindacato Fials parla di questa celebrazione come di un "giorno della Memoria" in ricordo delle vittime della pandemia, tra le quali proprio gli infermieri occupano una parte significativa di quella che chiama "un'assurda guerra combattuta senza armi". 

La ricorrenza viene celebrata ogni anno nel giorno in cui nacque Florence Nighintgale, l'infermiera nata il 12 maggio 1820 e ritenuta la fondatrice delle Scienze infermieristiche moderne. "Questo lavoro non è semplicemente una tecnica - scrisse la Nightingale -, ma un sapere che coinvolge anima, mente e immaginazione".

Posta un commento

0 Commenti