Subscribe Us

CORIGLIANO ROSSANO. Spaccio di cocaina, hashish e marijuana: l'ingagato torna libero

avvocato Francesco Nicoletti
CORIGLIANO ROSSANO (CS). Si è svolta sabato mattina la direttissima a carico di V.P., pluripregiudicato 45enne, difeso dal penalista avvocato Francesco Nicoletti.

L’uomo era stato arrestato dal personale del locale Commissariato di pubblica sicurezza lo scorso 4 giugno poiché colto in flagranza di reato mentre cedeva sostanza stupefacente del tipo cocaina ad un acquirente, che nell’immediatezza era stato fermato e aveva reso una dichiarazione su quanto accaduto.

I FATTI
Nello specifico, gli agenti del Commissariato  avevano ricevuto notizia confidenziale che l’indagato, già noto all’Ufficio per precedenti specifici, detenesse presso la sua abitazione sostanza stupefacente ai fini di spaccio.

La stessa fonte confidenziale riferiva, inoltre, come negli ultimi giorni presso l’abitazione del 45enne vi fosse un continuo via vai di soggetti dediti al consumo di sostanza stupefacente.
Per tale motivo era stato predisposto un servizio di osservazione e controllo durante il quale gli uomini del Commissariato avevano notato un assuntore di sostanza stupefacente entrare in casa dell’indagato.

Quest’ultimo prelevava dalla tasca del pantalone un involucro di colore bianco che consegnava al tossicodipendente il quale, a sua volta, gli consegnava delle banconote. Immediatamente fermato e sottoposto a perquisizione personale, gli agenti avevano rinvenuto la dose di sostanza stupefacente acquistata poco prima dall’indagato.

Gli stessi poliziotti decidevano, pertanto, di fare irruzione nell’abitazione dove avevano modo di rinvenire e, dunque, sequestrare involucri termosaldati di sostanza stupefacente del tipo cocaina, del tipo hashish e del tipo marijuana. Non solo.

Nella stessa circostanza venivano rinvenute anche piante in florescenza di marijuana; materiale da taglio e materiale per il confezionamento, una bilancia digitale perfettamente funzionante e banconote di vario taglio.
Da qui la dichiarazione in arresto dell’indagato. 

LA DIRETTISSIMA
All’esito della direttissima, avvenuta in videoconferenza dai locali del Commissariato, il Tribunale di Castrovillari, in totale accoglimento delle richieste avanzate dall’avvocato Nicoletti ha disposto l’immediata liberazione dell’indagato, al quale residua un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria.

Posta un commento

0 Commenti