Subscribe Us

La storia. Egitto, scomparso il medico dei poveri: "Non dimenticheremo il nostro eroe"

In Egitto era conosciuto come il "dottore dei poveri" e ora nella città di Tanta, nel Delta del Nilo, c'è una strada con il suo nome. Nel mondo musulmano e non solo c'è grande cordoglio per la scomparsa a 76 anni di Mohamed Mashali: per mezzo secolo nella sua clinica ha offerto visite a prezzi popolari o addirittura gratis a centinaia di migliaia di persone senza mezzi. Mashali, informa il sito ahramonline.org, è morto di "collasso cardiocircolatorio". 

Nato il 1944 a Beheira, laureato all'Università del Cairo nel 1967, Mashali ha lavorato in molti centri medici rurali e nel 1975 ha aperto una sua clinica a Tanta. Negli anni è diventato famoso perché visitava gli abitanti dei sobborghi più poveri, chiedendo una cifra simbolica di pochi spiccioli (5-10 sterline egiziane, l'equivalente di 30-60 centesimi) solo a chi poteva affrontare la spesa. Spesso pagava di tasca sua le medicine e i vaccini ai pazienti più poveri. Lavorava 12 ore al giorno, visitando 30-50 malati, musulmani come era lui o cristiani, non importava, anche ora che era diventato anziano.

In una intervista aveva raccontato che la motivazione a servire la sua comunità gli venne dalla morte di un suo giovane paziente diabetico, la cui madre gli disse che non aveva soldi per comprare l'insulina ma a malapena per sfamare gli altri figli.
I social arabi si sono immediatamente impossessati della storia del dottor Mashali, tanto che l'hastag #Doctor_of_the_Poor è diventato "di tendenza" negli Emirati Arabi Uniti: numerosi utenti hanno postato immagini e vignette ricordando la sua figura di professionista umano e altruista.

"Ci sono dottori che incroci per strada e non ti riconoscono né ti salutano. Ma non il dottore: ti salòuta e ti ti dà sempre qualche consiglio medico, se necessario", ha detto un paziente del dottor Mashali. Il vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti, Mohammed Bin Rashid Al Maktoum ha scritto su twitter che il dottor Mashali "era un creatore di un diverso tipo di speranza".
L'Avvenire

Posta un commento

0 Commenti