Subscribe Us

Morto Georg Ratzinger, il fratello del Papa emerito


Aveva 96 anni ed era malato da tempo. Era stato ordinato insieme a Benedetto XVI

di PAOLO RODARI
01 Luglio, 2020

Georg Ratzinger, musicista e maestro di coro, non ce l'ha fatta. Il fratello maggiore di Benedetto XVI è morto oggi. Aveva 96 anni ed era malato da tempo. Viveva a Ratisbona, la città dove ha trascorso la maggior parte della sua lunga esistenza. Nei giorni scorsi Joseph Ratzinger era andato a sorpresa a trovarlo con un aereo decollato per Monaco da Ciampino. I due erano molto legati. Erano divenuti sacerdoti lo stesso giorno.
 
Georg aveva guidato per anni il coro di voci bianche della cattedrale di Ratisbona. Aveva effettuato centinaia di concerti in tutto il mondo partecipando a rassegne corali internazionali di musica sacra negli Stati Uniti, in Scandinavia, Canada, Taiwan, Giappone, Irlanda, Polonia, Ungheria, Italia e nella Città del Vaticano. Si era esibito spesso anche in Germania e nella vicina Austria. Alla guida del coro aveva effettuato numerose incisioni per Deutsche Grammophon, Ars Musici e altre importanti etichette discografiche con corpose produzioni dedicate a Johann Sebastian Bach, Wolfgang Amadeus Mozart, Heinrich Schütz, Felix Mendelssohn e moltri altri ancora.
 
Secondo l'inchiesta del 2017 condotta dall'avvocato Ulrich Weber, incaricato dalla Chiesa cattolica di fare luce sul caso, durante la sua guida del coro sono stati commessi episodi di violenza fisica, psichica e sessuale nei confronti dei minori, di cui egli sarebbe stato a conoscenza. Il rapporto ritiene che egli non sia intervenuto per impedire i fatti.

In un'intervista del 2010 aveva ammesso di aver dato qualche schiaffo a dei minori durante i primi anni in cui era direttore del coro stesso. Inoltre ricordava che alcuni ragazzi nel corso delle tournée gli avevano raccontato di vicende di violenze. Tuttavia aveva detto che le loro storie non lo avevano indotto a pensare di "dover intervenire in qualche modo". Tra l'altro, spiegava, la scuola preparatoria dove sarebbero avvenuti gli abusi è un istituto a sé e non si può intervenire sulla sua gestione.

Nel 2011, intervistato da una rivista tedesca, Georg Ratzinger aveva detto: "Se non dovesse più farcela dal punto di vista della condizione fisica, mio fratello dovrebbe avere il coraggio di dimettersi". Fu proprio Georg a sapere tra i primi della storica decisione del Pontefice di rinunciare al ministero petrino per ragioni legate all'età. "L'età si fa sentire - aveva commentato -. Mio fratello desidera più tranquillità nella vecchiaia".
La Repubblica

Posta un commento

0 Commenti